Ma più di tutto era il suo sguardo che temevo;

sapeva farmi tremare, sapeva che ero io ad abbassar gli occhi per prima, sapeva che non reggevo, che sprofondavo.
E dio quanto l’ho odiato.
Non sopportavo il fatto che lui riuscisse a farmi sentire indifesa, spoglia, senza certezze.
Ho odiato lui e mi sono odiata
perché alla fine me ne sono innamorata.
! ! ! ! ! !
Prima, quando stavo male cercavo di reagire. Ora, invece, sto crollando e non faccio nulla per impedirlo. Resto qui, zitta ed immobile ad aspettare che ogni cosa mi divori.
E così una mattina, mi alzai dal letto e capii che tutto era maledettamente sbagliato, che le cose non andavano bene, e che nessuno sarebbe venuto a salvarmi, c’ero solo io, e io non mi bastavo.
Stronza-comeilmondo (via stronza-comeilmondo)
Il suo sorriso, le sue labbra, la sua intelligenza. Mi innamorai dei suoi discorsi, non solamente dell’apparenza.
laricamatricedisogni:

cestatounperiodoincuieroamore:

Che cosa dolce *-*

Oddiomio.😍


Aw😍
Sono nel classico periodo in cui tutto mi da fastidio.
Dalla gente falsa, ad un foglio caduto a terra.
Ogni cosa mi sta sul cazzo.